Segni di debolezza per il 5 per mille? Ecco i dati 2015

0

Ieri – 18 aprile – sono stati pubblicati sul sito dell’Agenzia delle Entrate i dati del 5 per mille 2015.

Se volete sapere quanto avete preso, andate su questa pagina.

Se volete sapere come è andata in generale, potete proseguire la lettura.

Diciamo che qualcosa è cambiato.
Dai dati del 5 per mille 2015 si capisce che c’è qualcosa che è cambiato; non per tutti, non nella stessa direzione.
Vi propongo la sintesi dei dati come li ho elaborati, per settore.


Come notate, nel settore “volontariato” c’è stata una flessione sia dei sottoscrittori che dell’importo totale; la differenza (che vede diminuire meno l’importo totale rispetto ai sottoscrittori) è data dall’aumento complessivo delle imposte testimoniato dal terzo grafico – quello del valore medio del 5 per mille che registra comunque un incremento per tutti i settori.
Anche la ricerca scientifica registra flessione sia nei sottoscrittori che nell’importo complessivo. Al contrario, la ricerca sanitaria vanta incrementi importanti di entrambe le variabili: c’è la possibilità che gli enti di ricerca scientifica, che a determinate condizioni possono essere anche di ricerca sanitaria, abbiano spostato l’attenzione – tramite pubblicità mirata – nella terza casella (sanitaria) in quanto più favorevole in termini di “resa” economica delle scelte generiche.
Le sportive dilettantistiche hanno variazioni considerevoli, soprattutto sulle scelte generiche (quelle per le quali si firma ma non si inserisce un codice fiscale), ma in termini assoluti stiamo parlando di un incremento di sole 5.000 unità per quasi 166mila euro di incasso in più.
Le attività sociali dei Comuni si mantengono stabili (33 sottoscrittori in meno tra il ’14 e il ’15).

In generale, gli enti devono preoccuparsi di un segno meno, detto che quest’anno il governo non dovrebbe aver tagliato le somme? Siamo meno attrattivi (come non profit)? Il pubblico si è stufato? Possono alcune notizie che sono trapelate sia sui ritardi che sui tagli – degli anni scorsi – aver agito come deterrente alla sottoscrizione (“tanto i soldi non arrivano”)?

Domande che producono risposte parziali, perché i veri dati dei comportamenti dei contribuenti li ha l’Agenzia delle Entrate e non li “molla”.

Perché sapere è potere. E figurati se ti mollo un grammo del mio potere!

Carlo Mazzini

Related Posts with Thumbnails
Share.

About Author

Leave A Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza cookie per funzioni proprie. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo Per maggiori informazioni vai in fondo alla pagina e clicca su "Privacy Policy"

Vai in fondo alla pagina e clicca su "Privacy Policy" - Per contattarci su questioni "Privacy" scrivi a "studiouno (chiocciola) quinonprofit.it"

Chiudi