5 per mille 09, 10, 11: possibile integrare la documentazione entro il 31.5.12

10

Mi ha sorpreso stamane sapere da Vita che in GU era stata pubblicata venerdì scorso un DPCM di proroga dei termini per le tre ultime edizioni del 5 per mille (09, 10 e 11).

Ho dovuto però faticare non poco per capire quali siano gli effetti della proroga.

Li riassumerei così:

– per il 2009, è possibile per gli enti del “volontariato” (Onlus, APS, Fondazioni e associazioni riconosciute) integrare la documentazione già inviata in passato (non importa se nei termini giusti).

– per il 2010 e il 2011, è possibile per gli enti del “volontariato” (Onlus, APS, Fondazioni e associazioni riconosciute) integrare la documentazione già inviata solo se alla data del 7 maggio (2010 e 2011) erano in possesso dei requisiti, e se avevano presentato la domanda di iscrizione (incompleta, evidentemente, altrimenti non ci sarebbe bisogno di integrazione) entro il 30 giugno (2010 e 2011).

Per questi casi (09, 10, 11) il termine ultimo per integrare i documenti mancanti entro il 31 maggio 2012.

Carlo Mazzini

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 aprile 2012

 

Disposizioni in materia di cinque per mille a sostegno del

volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilita’ sociale

di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n.

460, delle associazioni di promozione sociale iscritte nei registri

nazionale, regionali e provinciali previsti dall’articolo 7 della

legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle associazioni e fondazioni

riconosciute che operano nei settori di cui all’articolo 10, comma 1,

lettera a), del citato decreto legislativo n. 460 del 1997. Esercizi

finanziari 2009, 2010 e 2011. (12A04916)

 

IL PRESIDENTE

DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

 

Visto l’art. 63-bis del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112,

convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, che

reca disposizioni concernenti la destinazione, per l’anno finanziario

2009, di una quota pari al cinque per mille dell’imposta sul reddito

delle persone fisiche;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 aprile

2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 11 giugno 2009, n. 133,

recante «Disposizioni in materia di 5 per mille per l’anno

finanziario 2009», che, in forza del comma 4 del citato art. 63-bis

del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, ha definito, per

l’esercizio finanziario 2009, le modalita’ di richiesta, le liste dei

soggetti ammessi al riparto e le modalita’ del riparto delle somme

nonche’ le modalita’ e i termini del recupero delle somme non

rendicontate;

Visto l’art. 2, comma 4-novies e seguenti, del decreto-legge 25

marzo 2010, n. 40, convertito, con modificazioni, dalla legge 22

maggio 2010, n. 73, che reca disposizioni concernenti la

destinazione, per l’anno finanziario 2010, di una quota pari al

cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23

aprile 2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 8 giugno 2010, n.

131, recante «Finalita’ e soggetti ai quali puo’ essere destinato il

5 per mille per l’anno finanziario 2010», che, in forza del comma

4-duodecies del citato art. 2 del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40,

ha definito per l’esercizio finanziario 2010, le modalita’ di

richiesta, le liste dei soggetti ammessi al riparto e le modalita’

del riparto delle somme nonche’ le modalita’ e i termini del recupero

delle somme non spettanti;

Visto l’art. 2, comma 1, del decreto-legge 29 dicembre 2010, n.

225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio 2011, n.

10, che prevede che per l’esercizio finanziario 2011, relativamente

al riparto della quota del cinque per mille dell’imposta sul reddito

delle persone fisiche, si applicano le disposizioni di cui all’art.

2, commi da 4-novies a 4-undecies, del decreto-legge 25 marzo 2010,

n. 40, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2010, n.

73, nonche’ le disposizioni contenute nel decreto del Presidente del

Consiglio dei Ministri 23 aprile 2010, con l’aggiornamento dei

termini ivi stabiliti;

Visto l’art. 7, comma 2, lettera l), del decreto-legge 13 maggio

2011, n. 70, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 2011,

n. 106, che prevede che gli adempimenti ed i versamenti previsti da

disposizioni relative a materie amministrate da articolazioni del

Ministero dell’economia e delle finanze, comprese le Agenzie fiscali,

i cui termini scadono di sabato o di giorno festivo, sono prorogati

al primo giorno lavorativo successivo;

Considerata la necessita’ di prorogare i termini per l’integrazione

documentale delle domande di iscrizione regolarmente presentate dai

soggetti indicati dall’art. 1 del decreto del Presidente del

Consiglio dei Ministri 3 aprile 2009 e dall’art. 2 del decreto del

Presidente del Consiglio dei Ministri 23 aprile 2010, al fine di

consentire agli enti in possesso dei requisiti richiesti ai fini

dell’ammissione al beneficio, esclusi per un’inadempienza di

carattere formale o una non corretta esecuzione degli adempimenti

procedurali, di poter partecipare al riparto del contributo del

cinque per mille;

Considerato che per gli esercizi finanziari 2010 e 2011 e’

possibile procedere all’integrazione dell’elenco degli enti iscritti

al riparto, senza ulteriori oneri a carico dello Stato, e che,

pertanto, relativamente agli stessi esercizi la partecipazione al

riparto del contributo del cinque per mille puo’ essere consentita

anche ai soggetti che, pur avendo presentato la domanda di iscrizione

tardivamente, ma non oltre il 30 giugno di ciascun esercizio

interessato, siano in possesso dei requisiti richiesti per l’accesso

al beneficio alla data dell’originaria scadenza;

Rilevata la necessita’ di conformarsi alle disposizioni di cui

all’art. 7, comma 2, lettera l), del decreto legge 13 maggio 2011, n.

70, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 2011, n. 106,

relativamente alle domande di iscrizione al contributo del cinque per

mille e delle dichiarazioni sostitutive la cui data di scadenza

coincide con il sabato o un giorno festivo;

Su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto

con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali;

 

Decreta:

 

Art. 1

 

Proroga dei termini per l’integrazione documentale delle domande di

iscrizione per la partecipazione al riparto del contributo del

cinque per mille per gli esercizi finanziari 2009, 2010 e 2011.

 

1. Ai fini del riparto delle somme relative al cinque per mille

inerenti gli esercizi finanziari 2009, 2010 e 2011, sono prorogati al

31 maggio 2012 i termini per l’integrazione documentale delle domande

di iscrizione regolarmente presentate dai soggetti di cui all’art. 1

del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 aprile 2009,

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 133 dell’11 giugno 2009, e

all’art. 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23

aprile 2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 131 dell’8 giugno

2010.

Art. 2

 

Domande di iscrizione per la partecipazione al riparto del contributo

del cinque per mille per gli esercizi finanziari 2010 e 2011.

 

1. Relativamente agli esercizi finanziari 2010 e 2011, i soggetti

di cui all’art. 1 possono essere inseriti nell’elenco degli iscritti

ai fini del riparto delle somme relative al cinque per mille e

possono provvedere all’integrazione documentale delle domande di

iscrizione nel termine stabilito dallo stesso art. 1, qualora siano

in possesso dei requisiti richiesti per l’accesso al beneficio alla

data rispettivamente del 7 maggio 2010 e del 7 maggio 2011 e abbiano

presentato la domanda di iscrizione entro il termine rispettivamente

del 30 giugno 2010 e del 30 giugno 2011.

Art. 3

 

Termini di presentazione delle domande di iscrizione per il riparto

del cinque per mille e delle successive integrazioni documentali.

 

1. A decorrere dall’esercizio finanziario 2011, i termini di

presentazione all’Agenzia delle entrate delle domande di iscrizione

per il riparto del cinque per mille e delle successive integrazioni

documentali che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati

al primo giorno lavorativo successivo.

Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della

Repubblica italiana.

 

Roma, 20 aprile, 2012

 

Il Presidente: Monti


Related Posts with Thumbnails
Share.

About Author

10 commenti

  1. Mamma mia , piove sul bagnato per le associazioni sportive. Adesso l’impiegato aspetterà il 31 maggio per iniziare a controllare la documentazione. Penso che i mandati del 2009 slitteranno al 2014…

  2. Oltre il danno la beffa. Che cosa pensano, che siamo degli idioti? Questo DPCM non è altro che uno stratagemma per CONGELARE i fondi destinati al cinque per mille per uno o due anni ancora. Deve passare come un intervento a favore del volontariato? Che siano onesti e dicano le cose come stanno, così ci offendono.

  3. Effettivamente, dietro una buona notizia che molte associazioni attendono da tempo, c’è l’incognita delle tempistiche dei pagamenti che potrebbero allungarsi e diventare eterne (“geologiche” lo sono già).
    PS Nota tecnica: il testo del dpcm mi pare sbrodoli fuori dalla pagina, dott. Mazzini.

  4. Andrea Vuano on

    Caro Mazzini,
    una domanda secca: se è comprensibile il termine di integrazione della documentazione per il 5 x mille del 2009 e del 2010 per i quali le liste con gli importi ( e gli ammessi e non ammessi) esistono già, come fare per il 5 per mille del 2011 per il quale dette liste ancora non ci sono? come fa un’Associazione a sapere preventivamente se è ammessa o no? o forse il Governo pensa di pubblicare anche questi elenchi prima della scadenza del termine di sanataria che se non erro è al 31 maggio 2012?
    Con stima.
    Andrea Vuano

    • E io che credevo che lei sapesse vedere nel futuro! 😀
      Credo si riferiscano a quelli che hanno già ricevuto informazione di non ammissibilità … se l’hanno ricevuta!

      Questo decreto – per le ragioni che dice lei e per altre ancora – l’hanno scritto coi piedi!

      Cordiali saluti

      cm

  5. Andrea Vuano on

    Caro Mazzini,
    la risposta alla mia del 07 scorso è venuta dall’Agenzia delle Entrate che ha pubblicato gli elenchi dei “riammessi” sia per il 2010 che per il 2011(ho dovuto faticare un po’ per reperire quelli del 2011, mi ha aiutato in questo il buon articolo di Non Profit Online); bene, stamani telefono alla prima delle 5 Associazioni della ns. Regione presente nell’elenco dei riammessi 2011 per sollecitarla a inviare la dichiarazione sostitutiva pervista dal DPCM entro il 31 maggio e…miracolo, mi dicono di essere stati contattati telefonicamente 5 minuti prima dalla Direzione Regionale dell’Agenzia di Trieste che oltre a dare loro la buona notizia, gli invierà via mail copia del modulo , con le istruzioni per la compilazione, l’indirizzo e quant’altro! Non credevo alle mie orecchie: un’amministrazione che si preoccupa del cittadino al punto di cercarlo per favorirlo e non vessarlo non si era mai vista!
    Un buon viatico per la giornata in attesa delle prossime “mazzate”( a proposito: ho letto che il Ministero del Lavoro si propone di pagare entro agosto il 50%del 5 per mille di qs. anno già così ben decurtato: e il resto a quando?)
    Con stima
    Andrea Vuano

  6. Andrea Vuano on

    Caro Mazzini,
    la notizia (insieme ad altre su modalità e tempi di pagamento del beneficio) viene dal sito http://www.uneba.org (sito dell’Un. Naz.Istituzioni e Iniziative di Ass. Sociale), Notiziario maggio 2012, art. “Elenchi 5×1000 2010” a firma di Donatello Ferrari.
    A presto.
    Andrea Vuano

  7. angela chianese on

    gent.mo dott. mazzini,
    mi sa spiegare perchè, per la dichiarazione presentata per il 2009 con pochi giorni di ritardo, all’ufficio onlus dell’intendenza di finanza di napoli non vogliono accogliere la nostra richiesta, considerando che lei scrive:
    “per il 2009, è possibile per gli enti del “volontariato” (Onlus, APS, Fondazioni e associazioni riconosciute) integrare la documentazione già inviata in passato (non importa se nei termini giusti).”
    grazie.

Leave A Reply


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza cookie per funzioni proprie. Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo Per maggiori informazioni vai in fondo alla pagina e clicca su "Privacy Policy"

Vai in fondo alla pagina e clicca su "Privacy Policy" - Per contattarci su questioni "Privacy" scrivi a "studiouno (chiocciola) quinonprofit.it"

Chiudi